Consiglio Comunale del 15 novembre 2017 – Resoconto M5S

Resoconto C. C. 15/11/17: nostra interpellanza sulla gestione discarica “Su Berrinau”

e Deroga di destinazione d’uso e incremento indice fondiario

per attività di “Tiro al piattello e altri”.


Alle 16 presentiamo l’interpellanza sulla “Gestione in affidamento e nuovo Bando per la discarica comunale per rifiuti inerti in località Su Berrinau”.

E’ un’interpellanza corposa, è articolata in otto punti, ciascuno comprensivo di più domande; vengo ammonita dal Presidente del Consiglio per questa voluminosità ma non è stato possibile fare altrimenti per avere chiarezza sulla situazione; se l’oggetto dell’interpellanza fosse stato portato in Commissione Ambiente avrei potuto fare gran parte delle richieste in quella sede.

Ma anche questa volta la funzione importante delle commissioni viene ignorata dall’Amministrazione.

la discarica inerti “Su Berrinau”

In sostanza ho chiesto le motivazioni che hanno spinto il Comune a procedere per oltre due anni con un affidamento diretto per la gestione della discarica che costa ai cittadini oltre 80.000 mila euro all’anno, senza emanare un nuovo Bando di gara.

L’attuale gestore vinse nel 2010 un appalto di durata biennale, scaduto ad aprile 2012 e prorogabile solo per un anno nelle more del nuovo Bando.

In perfetta continuità con l’Amministrazione precedente anche l’attuale, capitanata da Soddu, si preoccupa di dare mandato al Dirigente del settore di predisposizione del bando soltanto il mese scorso, giustificando con l’incertezza giuridica nella quale versa l’area che ospita la discarica, le proroghe continue dell’affidamento diretto al “vecchio” gestore ( è in corso un contenzioso tra la proprietà dell’area ed il Comune di Nuoro, al momento fermo alla Sentenza della Corte d’Appello di Cagliari che condanna il Comune al rilascio dell’area, previa bonifica).

Le domande poste vertono proprio in quella direzione, ovvero se il Comune, predisponendo il nuovo Bando, abbia analizzato e valutato tutte le criticità, sia quelle di incertezza giuridica in merito all’area utilizzata, sia quelle già segnalate, sempre dal M5S, sul funzionamento e l’efficienza della discarica che, di fatto, sono problematiche per i cittadini recano a conferire gli inerti.

Le risposte dell’Assessore confermano, purtroppo, sia la permanenza dell’incertezza giuridica (che espone il Comune al rischio concreto di danno economico), sia la grave mancanza di convenienza (di efficienza del servizio e congruità di entrate nelle casse comunali) nel mantenere il tipo di gestione della discarica, una su tutte: dichiara l’Assessore che il Comune ha incassato dal 2012 al 2016 la somma di euro 156.211,26, a monte della spesa per la gestione pari ad euro 86.730,00 annuali e quindi euro 346.920,00 in quattro anni che si, con una perdita di euro 190.708,74.

Alla luce di queste cifre paradossali, l’Amministrazione Soddu da mandato al dirigente affinchè predisponga un Bando per l’affidamento in gestione per la durata di 12 anni anziché pensare un progetto per la discarica con caratteristiche e convenienza diverse!!! Prendiamo la calcolatrice per calcolare le perdite che avremo???

Con la stessa superficialità ed irresponsabilità si discute in Consiglio l’unico punto all’ordine del giorno (il secondo, previsto dalla Conferenza Capigruppo poi cancellato arbitrariamente e senza avvisare la Conferenza con l’addotta motivazione della mancanza di un documento non precisato, riguardava una pesantissima – per la città- delibera di PUA) su: “Deroga ai sensi dell’art.4 del D.A. N. 2266/U del 22.12.1983 – Incremento dell’indice fondiario fino a 0,10 MC/MQ di un’area della superficie minima di mq. 10.000 (foglio 26 mapp. 321/parte ANCORA DA FRAZIONARE) inclusa nella Z.T.O. “E/5° del PUC vigente, località MARIA FRUNZA e necessaria ad un intervento per la realizzazione di un campo da tiro a palla, tiro a campagna e tiro al piattello ecc…”.

In parole spicciole e comprensibili il Consiglio viene chiamato a votare su un semplice intervento urbanistico: di una piccola area di un ettaro, facente parte di zona agricola, si propone di cambiare la destinazione a zona G di servizi generali, in deroga, senza intervento generale sul PUC – e quindi variando la destinazione di tutta l’area – e a norma di legge, permettendo così che venga creato un campo di tiro a palla, a campagna ed al piattello.

La deroga che si presenta all’approvazione del Consiglio nasce su richiesta fatta all’Amministrazione di parere preliminare da parte dell’Associazione sportiva intenzionata a realizzare l’opera.

E’ tutto bello e positivo, il Consiglio va in deroga semplificando così un iter di variazione del PUC che sarebbe inutile, lungo e farraginoso per permettere ed anche promuovere una lodevole attività che attrarrebbe a Nuoro numerose manifestazioni sportive con un ritorno per la città di attività che conferiscono popolarità, risonanza, corredo e introiti.

Nessun motivo per non approvare, anzi un’idea di sviluppo da sostenere e promuovere!

Peccato, purtroppo, ahimè…che la sottoscritta (ed il M5S) viene a conoscenza del fatto che non più tardi di poche settimane fa si è già svolta a “MARIA FRUNZA” , nell’area per la quale si fa la richiesta di deroga al PUC, una gara di tiro!

Peccato, purtroppo e ahimè…che un cittadino mi segnala di questa gara, corredata di cartelli che invitano le persone a non entrare nell’area per “gare di tiro in corso” e che mi fornisce fotografie, nelle quali è evidente e visibile l’esistenza di “una piattaforma in cemento delle dimensioni di…per il posizionamento delle cabine di tiro”, di “installazione di n.8 cabine di tiro con struttura di legno e/o ferro”, di “posizionamento dei bersagli di tiro (fissi o mobili) su strutture in ferro (pannelli) da collocare nelle linee di tiro e delle protezioni (parallele) da realizzare con delle paratie di copertoni e balle di paglia”…che altro non sono che gli interventi proposti all’Amministrazione e per i quali è necessaria la deroga che andiamo ad approvare!

Peccato, purtroppo, ahimè…non sono un progetto proposto, esistono già!

Esprimo le mie perplessità, mostro le fotografie in aula, chiedo al Consiglio cosa sto votando: una deroga o una sanatoria mascherata da deroga?

Anche altri consiglieri di opposizione colgono la preoccupazione legata alla delibera di Consiglio: il Consigliere Saiu chiede con forza di essere rassicurato sullo stato dell’opera dell’area ma sia le risposte dell’Assessore che quelle del Dirigente “rassicurano soltanto l’insicurezza dell’oggetto della votazione”; il Consigliere Brodu propone di sospendere la votazione e di rimandarla ad altra seduta consiliare affinché tutti si possa riflettere meglio, la proposta viene bocciata dalla maggioranza ad unanimità dopo oltre 15 minuti di sospensione della seduta.

Si procede con le dichiarazioni di voto e alla votazione.

Il risultato lo immaginate?

Ve lo dico: dichiarazioni di voto delle sole forze di opposizione:  Sanna, Brodu, Montesu, Saiu.
Nessuna dichiarazione di voto della maggioranza!

Votazione: le opposizioni lasciano l’aula e la maggioranza, con in testa il Capitan Soddu, vota da sola compatta e approva…la domanda è: approva cosa? Una semplice, piccola deroga o una sanatoria d’abuso mascherata?

 

Mara Sanna – Portavoce M5S Nuoro

 

 

 

 

 

 

 

 

Precedente Consiglio: approvata Sanatoria o Deroga? Successivo La scelta "In House" del Comune e il NO del M5S