Rendiconto di Bilancio 2015: Comunicato stampa del 24 Luglio 2016

nuovologopiccolo

Rendiconto di Bilancio 2015

Comunicato stampa del 24 Luglio 2016


 

articolo unione del 25.07.16 [191274]-001 (1)Il comune di Nuoro si è dovuto confrontare con il nuovo sistema contabile stabilito con il Decreto Legislativo n. 118/2011 e questo è avvenuto sin dall’ approvazione del Rendiconto 2014, ricordiamo che le nuove regole introdotte hanno imposto un controllo ancora più stringente sulla veridicità dei conti.

In particolare si rammenta che per la chiusura contabile del 2014 bisognava fare il riaccertamento dei residui attivi e passivi per verificare se quanto dichiarato negli anni nei vari bilanci corrispondeva a verità, questo soprattutto per quanto riguardava i vari crediti che la amministrazione nuorese dichiarava di possedere.

La nuova normativa già dava per scontato che la classe politica italiana non aveva in ordine i bilanci pubblici e che spendeva più di quanto fosse consentito. Prevedeva infatti che laddove si fossero formati dei saldi negativi questi potessero essere recuperati nel corso di 30 anni al massimo.

Questa norma la possiamo definire la ennesima sanatoria che la classe politica italiana si è concessa ovviamente a danno dei cittadini quindi la evidente dimostrazione del fallimento della classe politica di destra e sinistra.

Ebbene questa verifica è stata effettuata anche al comune di Nuoro ed ha determinato un risultato negativo con un disavanzo di amministrazione di – € 16.513.104,54 che dovrà essere ripianato nel corso di 30 anni. I nuoresi quindi ogni anno sono chiamati a ripianare un disavanzo di € 550.436.82 cifra che comporterà maggiori tasse o minori servizi.

Questi numeri dimostrano che anche a Nuoro i bilanci non erano redatti secondo i principi di veridicità, trasparenza e prudenza. Il Movimento 5 Stelle evidenzia la gravità del comportamento assunto dagli esponenti della precedente maggioranza Bianchi che non vuole riconoscere questa eredità negativa lasciata ai nuoresi.

Il comune di Nuoro con il Rendiconto 2015 certifica infatti un indebitamento per prestiti avuti di € 41.843.789,74, in massima parte con la Cassa Depositi e Prestiti. Nei confronti di tale ente dovranno essere versate quote annue fino al 2040 per importi che vanno da € 1.679.237,41 a € 1.314.137,35, per un totale tra capitale ed interessi di € 68.610.390,21.

Di questa situazione la maggioranza Soddu ha fatto solo da certificatore fallimentare, semmai con il passare del tempo vogliamo verificare se tutte le anomalie vengono  mostrate ai cittadini nuoresi.

Fin dalla approvazione del rendiconto 2014 infatti il M5S aveva denunciato la gravità della situazione come d’altronde ben esposto nella Relazione Tecnica della Gestione Finanziaria in cui si prevedeva la opportunità di ricorrere alla procedura di riequilibrio finanziario strutturale di cui all’art. 243 bis del TUEL, che avrebbe significato quasi una forma di auto commissariamento per aggredire in modo determinato le situazioni critiche.

Per essere più espliciti come M5S ci saremo aspettati una denuncia chiara sulla scarsa gestione che ha determinato la crisi che la stessa maggioranza Soddu denuncia.

Se non si fa questo rimane l’impressione che anche questa amministrazione non sta operando nel giusto modo infatti non ci può essere cambio culturale e un nuovo modo di governare se non si ha il coraggio di denunciare le cose.

Per esempio con il rendiconto di bilancio 2015 che dovrà essere approvato nei prossimi giorni, risulta accertato un riconoscimento di debiti fuori bilancio per un totale di € 3.455.831,83 che rappresentano un esborso significativo per le tasche dei nuoresi, cifra che certamente se spesi per erogare servizi e sostegno ai cittadini avrebbero avuto un impatto positivo sulla nostra comunità.

Parliamo di gran parte dei debiti fuori bilancio riguardante la materia degli espropri su cui abbiamo già discusso sia in consiglio comunale per la loro approvazione e sia in sede di commissione di indagine, in modo particolare sul debito della strada collegamento Caserma Vigili del Fuoco.

La commissione ha svolto un lavoro approfondito e crediamo che la giunta Soddu ne deve  trarre attente riflessioni su come ci sia stata poca attenzione e scarso coordinamento tra gli uffici, in particolare si è potuto evidenziare una sorta di scaricabarile sulle responsabilità.

Ebbene crediamo che gli errori fatti e le approssimazioni debbano avere la giusta attenzione per tutti i livelli di responsabilità politiche, amministrative, contabili, civili ed anche penali se del caso.

E’ necessario fare le dovute analisi e riflessioni  sui debiti fuori bilancio analizzati, altrimenti  termini come efficienza, trasparenza e responsabilità sarebbero parole vuote, prive di significato, quindi sarebbe auspicabile tracciare una linea netta di cambiamento a cui il M5S darà certamente il suo contributo costruttivo.

In data 30.11.2015 per esempio avevamo chiesto di presentare alla attenzione del consiglio comunale la proposta del Regolamento ed Albo degli avvocati interessati ad assegnazione di incarichi di rappresentanza in giudizio tramite regole certe e trasparenti, seguita anche dalla richiesta del 05/01/2015 di trattare l’argomento nella Commissione  Affari Generali.

Ebbene senza alcuna motivazione plausibile tali richieste sono state disattese dalla maggioranza Soddu.

 

 

Portavoce M5S Nuoro

Tore Lai

 

Precedente Caos Motorizzazioni in Sardegna. Interrogazione in commissione. Successivo Tasse universitarie? Il PD non ha alcuna intenzione di abbassarle