Rendiconto del Consiglio Comunale del 10.06.2016

Rendiconto del Consiglio Comunale del 10.06.2016


Nel Consiglio comunale del 10.06.2016  sono stati discussi diversi argomenti interessanti in cui il M5S ha partecipato dando un sostanziale contributo sulle decisioni che interessano i cittadini nuoresi.

 

Tore Lai. Portavoce Movimento 5 Stelle Nuoro
Tore Lai. Portavoce Movimento 5 Stelle Nuoro

Le opposizioni hanno presentato una interrogazione sulla vertenza di Idea Motore di cui purtroppo è nota la chiusura aziendale. E’ stata una occasione per ribadire nel nostro intervento la piena solidarietà alle lavoratrici presenti ed evidenziare come i Parlamentari e Consiglieri regionali debbano impegnarsi concretamente e non solo mettendosi in prima fila quando si accendono le luci della ribalta.

Ricordare inoltre come in queste situazioni di crisi lavorativa sia importante l’attuazione della proposta del M5S sul Reddito di Cittadinanza, presentata in Parlamento, sia una soluzione immediata e di vera solidarietà per non lasciare intere famiglie nella più totale disperazione.

Sul nostro intervento abbiamo registrato positivamente l’interessamento del sindaco Soddu che ha chiesto la nostra collaborazione per introdurre il Reddito di Cittadinanza cittadino ma soprattutto abbiamo avuto un caloroso ringraziamento da parte degli ex lavoratori di Idea motore presenti in aula.

E’ stato poi discussa l’interrogazione che abbiamo presentato sul gioco d’azzardo con vincite in denaro che tra vari quesiti posti, avevamo chiesto anche la istituzione di un Regolamento comunale per la disciplina della sale da gioco e la possibilità di incentivare i locali commerciali con dei bonus o con diminuzione di tasse comunali per coloro che decideranno di abbandonare o non installare slot o corner di scommesse. L’assessore al commercio Marcello Seddone ha risposto positivamente alle proposte del Movimento 5 Stelle, pertanto seguiremo con attenzione e interesse che tutto ciò si concretizzi quanto prima per un maggior benessere dei cittadini.

Sulla mozione del consigliere Siotto che chiedeva una modifica degli orari di transito dei mezzi deputati alla raccolta dei rifiuti porta a porta, abbiamo votato favorevolmente in quanto certamente il transito di tali mezzi nelle ore di maggior intensità veicolare, crea un ritardo nel normale deflusso del traffico. Sulla mozione abbiamo presentato un emendamento approvato in aula affinché i nuovi orari da stabilire per quanto compatibili siano inseriti anche nel nuovo bando di gara.

Successivamente è stata discussa la mozione del consigliere Saiu sulla riduzione dei parcheggi a pagamento, la proposta in linea di principio era orientata nella giusta direzione per diminuire la tassazione ai cittadini. Piuttosto abbiamo posto il problema sulla fattibilità immediata della proposta  in riferimento a tre punti.

  1. Da verifiche e approfondimenti effettuati sul bilancio dell’ ATP risulta che il Comune di Nuoro è debitore rispetto all’ATP per oltre 1 milione di euro. Debito che si è incrementato negli anni quando la gestione dell’ATP portava in modo sistematico deficit di bilancio che il Comune non ripianava. Negli ultimi anni tuttavia il bilancio ATP è riuscito con le sue attività ad avere un saldo positivo tale che sono stati accantonati negli anni importi per circa 800 mila euro che stanno ripianando il debito pregresso del Comune di Nuoro. In che modo la riduzione di entrate si poteva compensare ricordando che con la nuova contabilità degli Enti Pubblici prevede il Bilancio Consolidato con vincoli di bilancio che riguardano quindi anche le partecipate.
  2. La proposta di modifica dei parcheggi a pagamento interessa anche la gestione dei lavoratori regolarmente assunti per tale servizio. Eliminare infatti il 20% dei parcheggi a pagamento nella parte più redditizia della città, vorrebbe dire andare ad analizzare anche le ripercussioni che si creano da questo punto di vista.
  3. Oltretutto l’art.11 della convenzione parla di “sopraggiunti motivi di carattere tecnico (manutenzione, viabilità, efficienza)” quali motivi della variazione del numero di parcheggi. Si pone quindi il problema se la proposta in discussione può rientrare in questa tipologia di motivazioni.

Purtroppo era assente l’assessore Boi che avrebbe dovuto rispondere ai nostri quesiti per capire la fattibilità della proposta, inoltre le motivazioni in aula del consigliere Saiu non sono state sufficientemente argomentate per cui in base a tutti i dati analizzati e discussi, abbiamo scelto l’astensione come logica conseguenza.

Tale mozione è stata anche motivo per evidenziare alcune considerazioni di ordine generale sul servizio trasporti che viene offerto ai cittadini.

Il programma del Movimento 5 Stelle di Nuoro poneva l’attenzione sul potenziamento del servizio pubblico per cui si deve evidenziare la scarsa qualità del servizio fornito dalla ATP, con un parco mezzi inidoneo e personale talvolta poco qualificato.

Altro aspetto da evidenziare è che sarebbe opportuno avere un sistema di pagamento più semplice e legato al tempo effettivo di utilizzo del parcheggio. Come peraltro avviene in altre città italiane, per esempio, utilizzando il Neos Park  simile a un disco orario elettronico, come il più noto Telepass in uso per il pagamento dei pedaggi autostradali, che rimane all’interno dell’auto, è di facile e veloce utilizzo, ideato per semplificare le modalità di pagamento della sosta.

Il Movimento 5 Stelle pone in evidenza di effettuare una analisi seria sulla mancanza di stalli per la sosta,  che dovrebbe interessare la risoluzione dei problemi di chi lavora e chi si reca negli uffici, chi risiede nei luoghi di maggior traffico.

A nostro parere sarebbe da incentivare e pubblicizzare un maggior uso dei mezzi pubblici con un incremento delle corse e delle linee anche nei giorni festivi (Prato Sardo ed il Centro Commerciale non vengono serviti in tali giorni) verso le zone di nuova espansione o zone non servite, magari per alcune zone la predisposizione di servizio alternativi quali il bike sharing.

Abbiamo inoltre espresso parere favorevole sul trasferimento in via sperimentale del mercato rionale settimanale da piazza Vittorio Emanuele a viale Repubblica, pertanto sono stati ascoltati gli attori coinvolti i quali hanno in gran parte espresso parere favorevole secondo quanto emerso da l’incontro avuto con le associazioni di categoria interessate in particolare nella commissione attività produttive del 10.02.2016.

La soluzione sperimentale di viale Repubblica sembra avere l’approvazione per lo più concordata dei commercianti che operano su quella via e ciò è stato appurato in seguito ad alcuni pareri chiesti direttamente a loro. Altrettanto interesse ed approvazione sembra avere l’ampliamento del mercato non alimentare nel mercato del sabato in piazza Italia, ora solo per alimentare.

I nuovi percorsi si augura siano da stimolo e incentivo ma abbiamo evidenziato anche come sarebbe opportuno valutare non solo l’aspetto quantitativo ma anche quello qualitativo e le diversità dei prodotti venduti al dettaglio sulle aree pubbliche. Si tratta di attuare una politica che sia da stimolo e marketing affinchè i prodotti venduti negli stend non siano tutti omologati ma diversificati per attrarre una più vasta clientela che non sia esclusiva di persone anziane, casalinghe, ma anche di interesse per i più giovani.

Si auspica inoltre che vengano posizionati dei landmark per indicare la nuova “area mercantile” con indicazioni di orari e giorni per rendere ancora più immediata la nuova dislocazione del mercato ai cittadini e ai  visitatori esterni. Sarebbe inoltre importante ampliare la visione del mercato ambulante locale creando delle giornate commerciali aperte in sinergia con il mercato europeo del commercio ambulante che sono attività utili sia a favorire maggiori introiti locali e anche a scambiare usi e costumi propri di altre città.

nuovologopiccoloTore Lai 

21-001

Precedente Interrogazione sul gioco con vincite in denaro. Consiglio del 10.06.2016 Successivo L'Azzardo? E' adesso!