Seguiamo il consiglio dell’assessore: Nuova interrogazione!

Seguiamo il consiglio dell’assessore: Nuova interrogazione!


Il M5S si ritiene completamente insoddisfatto  delle risposte dell’assessore alla propria interrogazione.

Riteniamo la risposta dell’assessore incompleta e fuorviante. Il fatto che non abbia voluto, neanche parzialmente rispondere anche a domande integrative non previste nella interrogazione stessa, denota, secondo noi, la poca conoscenza degli atti sull’affidamento del servizio di smaltimento e recupero dei rifiuti nuoresi. Siamo quindi molto preoccupati quando ci sentiamo dire: “… noi diamo agli uffici la linea politica da seguire che è quella del risparmio… se poi voi (del M5S) obiettate questa linea…. Io ho incondizionata fiducia nell’operato del settore Ambiente…” , e vorremo sapere se lei controlla regolarmente l’operato degli uffici e verifichi che perseguano quanto da lei indicato. Noi continuiamo ad avere dei dubbi che sia così.

Comunque le risposte alle nostre domande sono state insufficienti se non addirittura inesistenti. Purtroppo il confronto nell’atto della interrogazione è insufficiente per farle capire come le ns perplessità rimangano tutt’ora insolute.

Però apprezziamo il suo suggerimento di fare un’altra interrogazione (visto che per sua ammissione nn era in grado di rispondere alle domande non strettamente contemplate nella prima interrogazione), e prontamente l’abbiamo preparata. Speriamo che stavolta possa tranquillizzarci con risposte precise e puntuali.

Di seguito la nuova interrogazione depositata Lunedì 5/6/17, sperando che l’assessore abbia la bontà di risponderci in tempi brevi.




Spett.le Assessore Ambiente

Spett.le Dirigente settore Ambiente

Spett.le Sindaco del Comune di Nuoro

Spett.le Presidente del Consiglio Comunale

Spett.li Consiglieri comunali

 

Interrogazione: Determine dirigenziali 338 e 339 del 06/02/2017: conferimento e smaltimento dei rifiuti derivanti dalla raccolta differenziata, spazzamento e caditoie, del comune di Nuoro.

Il M5S a seguito dell’analisi della documentazione fornita dall’Ente, dell’interrogazione discussa nella seduta del CC del 31.05.17 e  dopo puntuali verifiche ha riscontrato quanto segue:

  • Il Comune di Nuoro, in contrasto con quanto previsto nel piano regionale dei rifiuti che prevede la convergenza verso il multimateriale leggero, ha optato per una rimodulazione parziale del servizio, stabilendo la raccolta della plastica da sola, ed il vetro insieme al barattolame, comportando il passaggio da una raccolta di multimateriale leggero (plastica con barattolame) ad una di multimateriale pesante (vetro con barattolame), ambedue classificati con codice CER 150106-imballaggi misti.
  • In prossimità della scadenza dei contratti di conferimento dei rifiuti derivati dalla raccolta differenziata, il Comune richiede alla Provincia l’elenco delle società autorizzate alla gestione di tali rifiuti;
  • Nella sopra menzionata richiesta, il Comune anziché richiedere l’elenco delle Ditte autorizzate a ricevere il multimateriale pesante, classificato con codice CER 150106, richiede l’elenco delle ditte autorizzate a gestire il vetro da solo, classificato con codice CER 150107;
  • Da una verifica della documentazione presente nel sito della Provincia di Nuoro e della RAS, parrebbe che l’affidataria sia autorizzata, tra gli altri, alla gestione dei rifiuti classificati rispettivamente come vetro (CER 150107) e metallo (CER 150104) ma non per la gestione del rifiuto classificato come multimateriale pesante;
  • Il comune di Nuoro affida il servizio di intermediazione dello smaltimento dei rifiuti derivanti dallo spazzamento stradale e dalle caditoie, senza richiedere alla Provincia l’elenco delle ditte autorizzate a svolgere tale compito;
  • Considerati gli importi relativi a tutti i servizi affidati, indicati nelle Determine Dirigenziali 338 e 339 del 06/02/2017, e considerato che la durata dell’affidamento del servizio è stabilita in due anni (più due rinnovabili tacitamente), sembrerebbe che il servizio affidato direttamente, superi la soglia minima prevista per legge (art. 36 co. 2 lett. b D. Lgs 50/2016);
  • Dagli atti forniti dall’Ente non risulta che esso abbia provveduto con inviti formali rivolti a tutte le ditte, attraverso lettera raccomandata o PEC (linee guida ANAC), esponendosi così a contestazioni come di fatto avvenuto (una, fra le ditte citate negli atti, afferma di non essere stata contattata);
  • Oltre all’affidamento dei servizi, l’ente ha ceduto alla società anche la delega relativa ad alcuni rifiuti, senza inserire alcuna clausola di decadenza.
  • Visto inoltre quanto dichiarato dall’assessore Sanna in risposta all’interrogazione discussa il 31.05.2017,

Il Movimento cinque stelle chiede:

 

  1. Il Comune, nel passaggio dal multimateriale leggero a quello pesante, rispetta  quanto disposto dal Piano regionale dei rifiuti?
  2. Il Comune di Nuoro, contattando informalmente le ditte, ha rispettato quanto previsto dalla normativa?
  3. Considerati gli importi e la durata dell’affidamento indicati nelle determine dirigenziali 338 e 339, ha il Comune di Nuoro operato lecitamente nell’affidamento diretto del servizio?
  4. Il Comune di Nuoro ha richiesto alla Provincia le società autorizzate alla gestione del multimateriale pesante con codice CER 15.01.06? Ha richiesto le società abilitate all’intermediazione?
  5. Il Comune di Nuoro ha affidato il servizio di conferimento del multimateriale pesante 15.01.06 come tale, oppure come vetro con codice 15.01.07?
  6. Il Comune ha svolto gli accertamenti necessari per verificare se la società affidataria è in possesso delle autorizzazioni per la gestione del multimateriale pesante?
  7. Quale codice CER è riportato nel documento di trasporto utilizzato da Nuoro Ambiente nel conferimento del vetro e barattolame alla società affidataria?
  8. Il contratto di conferimento dei rifiuti, è stato sottoscritto in quale data?
  9. In riferimento alle dichiarazioni dell’Assessore Sanna nel CC del 31.05.17, il quale affermava, in contrasto con quanto indicato all’art.5 del suddetto contratto, che la durata fosse al massimo annuale, si chiede nuovamente quale sia la durata dell’affidamento.
  10. Considerate le dichiarazioni dell’Assessore Sanna nel medesimo CC, in cui afferma che il principio seguito da codesta amministrazione nell’affidamento del servizio, è quello del risparmio, si chiede se tale principio sia stato rispettato nella determinazione della tariffa per i rifiuti provenienti dalla pulizia delle caditoie.
  11. Le deleghe CONAI relative ai rifiuti valorizzabili, sono attualmente in capo al Comune o sono state subdelegate? Nella predisposizione del nuovo bando di gara, prevedete di subdelegare la ditta vincitrice?

 

Nuoro,  05.06.2017

Portavoce M5S Nuoro

Mara Sanna

 

I commenti sono chiusi.