Il tempo è galantuomo: la prova che avevamo ragione noi!

Il tempo è galantuomo: la prova che avevamo ragione noi!


Riepilogando una parte dell’interrogazione sulla raccolta differenziata:

  1. da una parte avevamo tutta una serie di affidamenti a una unica società, la Eco Centro Sardegna srl, a spregio delle regole che regolano gli appalti e ai consigli del ANAC (Interrogazione)
  2. Dall’altra parte avevamo un Assessore (che si occupa part-time di un argomento così gravoso) che si affida completamente agli uffici senza controllarli. E che sostiene (sosteneva?) di avere un’enorme fiducia nel loro operato, non indicando mai su cosa si basasse questa fiducia

Fino all’ultimo, con qualche concessione sulla realtà dei fatti incontrovertibile, l’assessore difende gli uffici e respinge le accuse di favoritismo verso la società Eco Centro Sardegna.

Peccato che qualche giorno fa si approvino in giunta due determine che smentiscono la situazione descritta dallo stesso assessore.

La determina 338 viene sostituita dalle determine 1660 e 1661.

nelle nuove determine viene confermato quanto avevamo sempre detto.

Nella 1660:

 

 

 

 

 

 

 

e nella 1661:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in entrambe le delibere si rileva che nella delibera 338 vi erano macroscopici errori.

  • nella 1660 si dice chiaramente che gli importi erano “fuori soglia” per l’affidamento diretto.
  • nella 1661 di evidenzia quanto da noi rilevato, ossia che l’affidamento della carta non poteva essere rinnovato per due anni.

Dunque una chiara vittoria per il M5S di Nuoro?

SI una chiara vittoria

ma non possiamo certamente essere soddisfatti dell’alternativa trovata dagli Uffici e dall’Assessore.


A parte che questa mossa non risolve il problema dell’Amministrazione in quanto ci sono altre sfaccettature della vicenda ancora da risolvere.

Una su tutte: a oggi la Eco Centro Sardegna non ha le autorizzazioni per ricevere parte del materiale di riciclo affidatogli dalla amministrazione nuorese in particolare il barattolame conferito insieme al vetro (multimateriale pesante).

Ma di questo e del resto si occuperà anche chi di dovere.

Ci chiediamo: L’assessore tramite i nostri interventi in consiglio comunale (Mara Sanna), dovrebbe avere una visione chiara della situazione.

 

E’ dunque credibile quando nonostante tutto l’evidente dice che ha una enorme fiducia negli uffici?

 

 

E’ credibile invece quando ne prende le distanze dicendo che lui risponde dell’azione politica e non giudica i procedimenti usati negli uffici?

 

Nelle stesse delibere si capisce che qualcosa non va! Se si evidenzia che per arrivare alla delibera 338 era stata fatta una indagine conoscitiva come previsto dalla normativa, ma che il M5S ha contestato, che bisogno c’era di fare le nuove delibere per sanare la situazione?

Dopo aver evidenziato all’assessore che ci sono operatori più vicini a Nuoro che non sono stati interpellati (a sostegno della sua tesi che bisognava conferire il più vicino possibile), è normale che si trovi un’escamotage di questo tipo per lasciare tutto alla Eco Centro Sardegna, anziche ripetere la procedura di affido?

 

Perchè si vuole favorire a tutti i costi la Eco Centro Sardegna?

 

 

 

 

Precedente Reddito di inclusione. Nuoro: 368.000 euro. Successivo M5S: la richiesta di trasparenza non è polemica.